GOSTO E LA NEVICATA A FONTEBUONA E A VAGLIA

‘E me l’aeano detto maremma diaola: “Gosto sta in campana, quando ‘e tu sorti di ‘casa, porta sempre con tene la giubba, l’ombrello d’incerea’o verde e gli scarponi co’ chiodi. ‘E mi son detto: “Quelli di’ barre di’ Cantini ‘e deano essere un po’ sonati. O icché glié tutto questo allarme? Poi me l’hanno spiegato icché glera. Alle preisioni di’ tempo (che ‘un ci azzeccano mai, all’infora, di cando c’era i’ poero Bernacca) e glié un po’ che battano e ribattano: “allerta”, “allerta”, ma allerta icchene? Siccome e’ mi’ amici e’ gl’hanno sempre i’ ruzzo, e c’hanno sempre la ‘oglia di rivogammi de’ tiri birboni. Allora lo sai icchene ho fatto? Ho preso la biciletta e son vorsuto andare a Vaglia da attri miei amici che unn’enno buggeroni come questi quie. Anco nella Piazza de’ Giardini di’ Comune v’era un fottìo di gente tutta imbacuccata da capo ai piedi con sciarpe, cappelli, mongomeri, pastrani e stivaloni arti, ell’erano veramente ridi’coli. Tutti e’ diceano: “l’arrìa, l’arrìa”. Ma icchene l’arrìa? E so’ ito allora da quelli di’ Bazar per raccapezzammi un poe. ‘E v’era lie l’Emma, lei, l’è di poche parole ma ‘la unne sbaglia mai. “Senti Emmina – gl’ho detto – ma icché gl’è tutto questo allarme? ‘Un ci sarà mia i’ tremoto?”. “Macché tremoto ‘un tu l’hai inteso ai’ Tiggì? ‘E de’e arrivare la neve, anco a quote basse, come per esempio a Fontibona e Vaglia. “La neve a Fontibona e a Vaglia? Gl’ho detto. “’E bisognerebbe che le cherce facessero i limoni. O ‘un tu lo sai che qui dalle nostre parti l’è raro che la neve ‘la venga come si de’e. Pe’ fa’ nevi’care bene in questi posti ‘e bisognerebbe andà a pregà a Lurdessse. Insomma, ho fatto poi i’ mi solito giro pe’ negozi di Vaglia. Prima però so’ ito all’agenzia Banca di’ Mugello pe’ vedé se v’erano ancora quei poi gruzzoli che (e’ mi parea) d’avé messo in serbo. Ma ‘e parea a mene e non a i’ Direttore della Banca. “Ma che gruzzoli e gruzzoli, Gosto, pe’ ae’ la grana in banca e’ bisogna mettila” – l’ha detto i’ Direttore. “Tene, Gosto, t’ha ‘oglia a che a che fare, i sordi in banca ‘un te ce l’arai mai, perché ‘un tu li metti mai”. “L’è un be’ discorso, codesto, come fa’ tu a aelli, uno come mene, che ‘e piglia du’ centesimucci di pensione?” “Pazienza – ho detto – chi unnà unni spende. ‘E vorrà dire che ‘negozi gl’andranno a rotoli” “Pori pensiona’ti ‘e ce l’anno tutti con loro. Scusateci se semo ancora vivi!” “Via via gl’e meglio torni’ a Fontibona, a i’ mi paese d’origine – ‘e mi son detto” Ho inforcato la biciletta, ma all’insue gli è un po’ salita e la strada la unné tanto garba’ta. Quando sono arrivato a’i Circolo Chiari di Luna, insomma alla Casa di’ Popolo, per capicci, e’ son resta’to a bocca spalancata. La neve ‘la venìa giue carma carma e i fiocchi gl’eran grossi come de’ fazzoletti, che scendeano giù da i’ celo, ‘e pareano de’ paracadu’ti. Che spettacolo ragazzi! Io ciò dinanzi alla mi’ ‘asa, proprio la belle Villa di’ Lensi, quella ottocentesca, ma una ‘orta l’era de’ Medici. Ell’era tutta ricoperta d’un manto bianco. ‘E parea che un mugnaio v’aesse versato sopra quintali e quintali di farina bianca. Poi anco i pini e tutti gli arberi di’ giardino di’ Bianchini ‘un si riconosceano piue. “Questo l’è un mira’colo”. Ho preso la mi’ sposa e gl’ho detto: “Senti, s’aire fora a fa’ qualche lacchezzo con la neve? Lo sai icché mi garberebbe? – gl’ho detto – turammi la bocca con la neve e datti un be’ bacio”. “Ma che tu se’ rincitrulli’to? – l’ha detto subito la mi Esterina. Lei l’ha ‘unné tanto per ruzzare. Allora so’ ito solo pe’ i paese co i’ mi ombrello d’incerato. Nella Piazzetta, v’era Giuliano della Settima, anco lui contento come una Pasqua. ‘E ridea, ‘e ridea e con quelle manone ‘e cerca’a di pigliare i fiocchi. A Vaglia, poi l’era arta una chindicina di centimetri. Anco la giornalaia l’era tutto bianca, perché l’era sorti’ta fora pochi minuti. Uno di’ Vaglia, tanto pe’ divvi che la neve la fa impazzire tutti, l’ha compro i’ giornale dall’Emma e con quello l’ha fatto una fagottata di neve e l’ha portata a casa! Robe da non credessi. Dopo un antro po’chinino ‘e c’eran tutti fora. Gli è venuto anche i’ sindaco Fabio a accertassi di chesto fenomeno naturale, anco lui l’era incredulo. Quando l’ha visto come le sta’ano le cose l’ha escramato: “Questo evento lo metterò subito negli annali di’ Comune”. Icché l’arà voluto dire? Boh? I vecchietti, gli utimi di tutti, anco loro, son sortiti, ma pe’ la paura di battere qualche boccata e’ pareano che ‘e camminassero sull’ova. Insomma una nevicata così a Vaglia  l’era un pezzo che ‘la ‘un si vedea.