CARNOVALE A I’ DICOMANO

‘E me l’aeano detto in parecchi, se tu vo’ vedé una ‘osa ganza, ma di chelle ganze su i’ serio t’a ire a i’ Carnovale a Dicomano. E sai, sono stati anco più di uno quelli che mi diceano questa ‘osa: Foresto, Gosto, i’ Nanni, Beppino, i’ Triga e tutti gli insisteano su questo Carnovale. Ai barre ‘un si parlava che di chesta ’osa; a i’ pallaio l’era la medesima, ‘e m’avean fatto un capo come un cestone, Lo sai icchene, ieri, che l’era domeni’a so’ ito alla Messa e ho visto i’ soppriore sulla porta della chiesa. ‘E parea che gl’aspettasse mene. Anco lui, che stea lì impalato che e’ parea che vo,lesse dimmi: “O ‘un tullo sai corella? Tene tu arrii sempre alla Messa dopo la martinicca”. Maicchene ‘e un l’era questo che volea dimmi. E ritonfa! Anco lui gl’era ito colla su’ perpetua a i’ Carnovale a Di’omano. E giù a raccontammi i parti’olari: “E tu vedessi quanta gente vi steano, e’ strabordaano tutti dalle strade”. I’ paroco, che glié anco una personcina a qui mo’, ‘e mi parea che fusse doventato citrullo anco lui. Anco lui s’era fatto suggestionare da queste feste moderne, scatenate, e, anco a di’ la verità, un po’ pagane. La peggio l’era la perpetua. La mi dicea: “T’aessi visto come gl’eran belli que’ bambini su’ cari, che unn’eran tirati dalle mucche, ma da de’ bestioni di trattori. E le su’ mamme come gl’eran contente! Tutte le steano vicino a’ cari a guardassi e riguardassi que’ mimmini che e’ tiraano curiandoli e stelle filanti. E poi v’era un casino…. A mene i’ casino mi garba, t’aessi a dire qui in parocchia ‘un si ‘ede mai anima viva, t’ha ‘oglia tene a scampanare…qualche giorno le vengan giue quelle campane, da quando i’ soppriore le tira con tutta la su’ forza che gl’hae in corpo. Ma tanto ‘un si ‘ede mai nessuno. Aimmeno una ‘orta quando sonaan le campane, venian tutti, perché e’ credeano che vi fusse l’incendio o i briganti”. Insomma, gl’era i’ massimo…anco i soppriore e la perpetua a i’ Carnovale a i’ Di’omano, T’aessi a dire, alla fine m’hanno infruenzato anche me. La sai icchene? Dopo la Messa so’ ito a governare le bestie, poi ho detto alla mi’ Beppa: “Nanni, e’ semo sempre quie a fa i’ bischero, ‘un si ‘a mai in nessun posto, oggi ‘un sa’ esse tirchi. Dopo aé desinato un be’ mazzo d’agli freschi dell’orto e vino di chello bono, si sella i’ calesse e si ‘a a i’ Dcicomano. La Beppina ‘la parea la stiantasse dalla contentezza, pe’ forza l’è sempre intorno ‘asa co i’ su’ pollame, i piccioni, l’orto. Insomma anco lei la si mette in ghingheri e dopo un’ora di trotto (‘e ciò un cavallino che’e sembra un treno) semo arriati su’ i’ posto. La Beppina a vedé tutto qui’ riortolamento di cari, di maschere, l’ha escrama’o: “Dio mio, i’ mondo l’è dientato tutto matto”. ‘La ‘un ci olea credere, anco le persone grandi ‘le un si riconosceano! E poi veanian giù da i’ Comune, che l’è un bei palazzo, che ora gli stanno rassettando, ‘e giraano tutti intondo ‘e parean tutti biriachi. La Beppina l’ha detto: “Qui positivo ‘e semo ni’ paese di’ Bengodi”. In un caro poi v’eran tre o quattro famiglie, e gl’eran tutti mascherati da leani, leonesse, anco i mimmini. ‘E parea d’esse in Africa. Dopo che gl’eran passa’i e ripassati tutti que’ cari e gl’ho visto la mi’ Beppina, che ‘la s’avvicina troppo a un baroccino: e l’era quello de’ croccanti e, la Beppa, e’ si vede’a l’avea l’acquolina in bocca. Crepi la tirchieria e gl’ho compra’o un par di croccanti e un torone. T’aessi a dire! La Beppina la se l’è sgranocchia’i subito, ‘la parea una conigliola. Che giorna’a che gl’ho passato. Ni’ viaggio di ritorno, su i’ calesse la Beppina l’è stata tutto i’ tempo a guardammi. E gl’ho detto: “Catù da guardammi? Un so’ mia i’ bronzo di Troiace! Insomma ‘la mi facea gli occhini piccini, piccini ‘e la mi parea una triglia. Positivo l’avea delle intenzionacce. E poi ‘la stea tutto i’ tempo su i’ calesse a dimmi: “Tu mi garbi, tu mi garbi” Io ‘un sapeo come rigirammi. Un ‘osa così ‘la ‘un mi capita’a da quando riviensi da i’ militare. Io, peroe, gl’ero orgoglioso di mene e ogni tanto gli toccao i capelli e la crocchia “’Un mi toccà tanto” ‘La mi dece’a lei. “Se tu mi fai gl’occhiolini ti tocco” Gli rispondeo. Già, ‘un m’ero ricordato che i’ giorno innanzi gl’era San Valentino. Maremma diaola, me n’ero dimenticato davvero. Ho dato du’ frustate a i’ mi cavallino e ho detto alla Beppa: “A stasera” e gl’ho mollato un bacio di chelli che ‘la se ne ri’orderà pe’ tutta la vita!